Un farmaco innovativo in grado di trattare il cancro al seno in fase avanzata e prolungare la vita delle pazienti è stato presentato in una conferenza stampa a Roma, durante la quale è stata messa in evidenza la recente autorizzazione alla rimborsabilità da parte dell’Agenzia italiana del farmaco (AIFA). L’Ibrance o Palbociclib, questo il nome del medicinale sviluppato dalla casa farmaceutica Pfizer, è pensato per il trattamento del tumore al seno metastatico – cioè che ha iniziato a proliferare nell’organismo – o localmente avanzato Hr+/Her2-. Questa sigla che sta a indicare la positività al recettore ormonale e la negatività al recettore di tipo 2 del fattore di crescita epidermico umano; i tumori del seno vengono infatti classificati in base all’espressione di determinati recettori nelle cellule malate.

Erano dieci anni che non veniva approvato un farmaco così efficace nel contrastare la fase più avanzata del cancro al seno; il medicinale, che agisce inibendo le chinasi ciclina-dipendenti 4 e 6 (Cdk 4/6), sopperisce infatti ai limiti della fondamentale terapia endocrina, per la quale purtroppo la maggior parte delle pazienti sviluppa una resistenza. Lo scopo del Palbociclib è rendere questo aggressivo cancro una sorta di patologia cronica, con la quale le pazienti riescono a convivere molto più a lungo che in passato e con una qualità della vita migliore. Del resto, passi in avanti notevoli sono già stati compiuti grazie ad altri farmaci: basti pensare che la sopravvivenza per il carcinoma mammario metastatico è passata dai 15 mesi degli anni ’70 ai 58 mesi dei primi anni 2000.

La necessità di farmaci sempre più efficaci è legata soprattutto ai numeri impressionati che coinvolgono il cancro al seno. Ogni anno nel mondo vengono effettuate 1 milione e 700mila diagnosi, che rendono questa neoplasia la più diffusa per le donne. In Italia la forma metastatica attualmente colpisce 30mila donne, la maggior parte delle quali (90 percento) in menopausa, sebbene siano in aumento le diagnosi nelle giovani. Per sensibilizzare l’opinione pubblica su questa malattia è stata avviata una nuova campagna di sensibilizzazione chiamata: “Voltati. Guarda. Ascolta. Le donne con tumore al seno metastatico”.

Let’s block ads! (Why?)

Powered by WPeMatico

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here