Non possiamo più dire che gli scarichi delle auto sono responsabili dell’inquinamento dell’aria che respiriamo: a quanto pare infatti la colpa è da dividersi a metà con i pesticidi, i profumi, i prodotti per pulire e le pitture che utilizziamo ogni giorno e che vanno a rovinare anche l’aria che respiriamo all’interno delle nostre case. In generale infatti i prodotti chimici che contengono prodotti derivati dal petrolio risultano particolarmente dannosi per l’aria. La conferma arriva dalla University of Colorado at Boulder e da uno studio guidato dal NOAA.

Agenti inquinanti, occhio ai prodotti in casa. I ricercatori ci spiegano che tutti noi utilizziamo molto più carburante che prodotti chimici che contengono sostanze a base di petrolio, stiamo parlando di 15 volte di più: allo stesso tempo però queste sostanze risultano inquinanti tanto quanto l’intero settore dei trasporti. Questo significa che mentre ci preoccupiamo degli scarichi delle auto, riducendo le emissioni e l’utilizzo di questi mezzi, in realtà ci stiamo danneggiando comunque con altri prodotti.

Un calcolo errato. Per comprendere quale fosse attualmente l’impatto degli scarichi delle auto sull’aria, gli esperti hanno ricalcolato le emissioni attuali e le emissioni collegate ai prodotti chimici. A questo proposito hanno analizzato la quantità di VOC emessi nell’aria, i VOC sono composti chimici volatili che si diffondono nell’atmosfera e che possono reagire per produrre ozono o particolato che, sappiamo, avere impatti negativi sulla nostra salute: ad esempio possono provocare danni ai polmoni. Dai dati raccolti è emerso che, se fino a ieri si pensava che il 75% dei VOC emessi provenissero dalle auto e solo il 25% dai prodotti chimici, oggi la realtà è diversa: le quantità si dividono esattamente a metà.

Prodotti chimici inquinano l’aria di casa. Il problema a questo punto riguarda anche l’aria che respiriamo in casa. “Le concentrazioni di VOC sono spesso 10 volte superiori all’interno rispetto all’esterno”. Insomma, l’inquinamento in generale ci colpisce su più fronti, adesso non siamo al sicuro neanche a casa.

Let’s block ads! (Why?)

Powered by WPeMatico

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here