Nella località di Henderson nello stato americano del Nevada è stato registrato l’avvistamento di una “Ufo flottilla”. Con questo termine in ufologia si definiscono avvistamenti che riguardano un certo numero di oggetti volanti non identificati, i quali si muovono in formazione. Il caso è stato riportato anche dal Mufon, associazione di ufologi americana. Certamente le immagini sono suggestive e difficilmente un fotografo potrà vederci dei trucchi in post-produzione. Ma è sufficiente a renderlo un avvistamento autentico? Assolutamente no, ecco perché.

La descrizione dell’avvistamento.

Analizziamo in che modo è stato compiuto l’avvistamento. Gli ufologi infatti usano compilare appositi documenti per classificare le segnalazioni, in modo da poterle analizzare. Anche se spesso queste analisi non vengono compiute da veri esperti nel campo della fotografia, con risultati generalmente poco soddisfacenti. Chi ha realizzato il filmato afferma che si trovava in auto, mentre aspettava il rientro di un amico da un negozio vicino. Nota così nel cielo una decina di punti luminosi. Inizialmente gli sarebbero sembrati stelle. I presunti oggetti erano allineati secondo un angolo di circa 45 gradi. “All’improvviso hanno iniziato a muoversi verso l’alto con la stessa angolazione, poi molti più punti hanno iniziato a muoversi verso il basso con la stessa angolazione e sembrava che si stessero attaccando a vicenda.” Il testimone riferisce di altre raffiche con almeno una grande esplosione. Il tutto sarebbe durato non più di 20 secondi. Il video è stato realizzato con un iPhone e non presenta segni di ritocco.

Non so cosa fosse o cosa sia successo, ma è successo. La prova è nel video. Ho abbassato il finestrino della macchina, quindi so che non era un riflesso.

Il mistero degli alieni vetrai.

Anche il caso dell’Ufo di Nottingham si avvale di un vetro. Ma non si tratta di alieni vetrai.in foto: Anche il caso dell’Ufo di Nottingham si avvale di un vetro. Ma non si tratta di alieni vetrai.

Il testimone afferma di essere ancora scioccato per quello che ha visto, ma confiderebbe nel Mufon per ulteriori analisi. Il problema dell’archiviare qualsiasi avvistamento in maniera acritica sta nel fatto che difficilmente si riesce a distinguere un testimone genuino dal classico “troll” che si diverte a burlarsi dell’ingenuità di certi ufologi. E’ quanto suggerisce il collega Scott Brando nel segnalare l’ennesimo avvistamento ufologico, che pur non necessitando di effetti speciali in post-produzione si rivela lo stesso un fake clamoroso. Quel che si vede infatti sono i riflessi solari che giungono sul finestrino dell’auto, dopo aver rimbalzato su altre vetture che transitano nei paraggi.

Vetri e giochi di luce. Quando il testimone sostiene di aver tenuto il finestrino abbassato non fa altro che fornire una “excusatio non petita”: esibisce una informazione non richiesta anticipando un dato che non riesce a dimostrare, nel tentativo di allontanare gli analisti dalla pista giusta. Non è certo la prima volta che un gioco di luci – senza necessitare di trucchi in post-produzione – si trasforma in un filmato ufologico, destinato a diventare subito virale in Rete. Un caso analogo può essere l’avvistamento avvenuto a Nottingham, di cui trattammo nel novembre scorso. Stavolta a creare l’illusione è un faretto da incasso riflesso sul vetro di una finestra, senza necessitare del Sole. L’effetto finale è forse anche più suggestivo. Aumentando le fonti luminose – o i riflessi – si può ottenere anche una flottilla.

Let’s block ads! (Why?)

Powered by WPeMatico

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here