Fabrizio Frizzi aveva tumori inoperabili, lo svela Alfonso Signorini, ospite a Matrix su Canale 5. Il giornalista e conduttore, direttore di Chi, parla del presentatore suo amico scomparso a soli 60 anni.Alfonso Signorini

Alfonso Signorini a ‘Matrix’ parla di Fabrizio Frizzi

a Matrix racconta le ultime e difficili settimane di Fabrizio Frizzi e della sua battaglia contro tumori diffusi inoperabili.

‘Aveva tumori diffusissimi e inoperabili’, svela

“Lui sapeva che non aveva scampo. E questo è molto importante da sottolineare, perché quando ha avuto quella ischemia che l’ha portato al ricovero immediato all’ospedale, ad ottobre, dagli esami di questa ischemia è risultato che aveva dei tumori diffusissimi che erano inoperabili. E questa cosa è stata messa al corrente non soltanto della famiglia ma anche di lui. E Fabrizio a quel punto era a un bivio: o rimanere a casa e aspettare il momento oppure andare in televisione a fare il suo lavoro e a portare ancora una volta il sorriso a casa della gente. E’ questo il vero miracolo che ha fatto Fabrizio Frizzi, dice

Il presentatore sapeva di ‘non avere scampo’

Alfonso Signorini a Matrix parla del meraviglioso ricordo che Fabrizio Frizzi ha lasciato di sè ad amici e parenti, nonostante il suo stato di salute. In studio a “L’Eredità“, come raccontano i figuranti Alessandro Delle Fratte e Laura Astri, il conduttore “era stanco, pallido, negli ultimi tempi registrava più di una trasmissione insieme così poteva rimanere più tempo a casa. La moglie (Carlotta Mantovan ndr), uno scricciolo, era sempre con lui. Lo sosteneva non solo psicologicamente, ma gli prendeva il braccio. E lui si appoggiava. Sempre insieme al bar, dietro le quinte”.

Per commentare è necessario registrarsi, una volta sola, alla piattaforma Disqus tramite e-mail o profilo social (Facebook, Twitter o Google). Se non è confermato l’indirizzo mail, il commento resterà in attesa di approvazione.
Inserendo un commento, l’utente dichiara di aver letto, compreso e accettato il .

Let’s block ads! (Why?)

Powered by WPeMatico