Apple ha infine aggiunto nuove indicazioni e opzioni nel suo sistema operativo iOS sullo stato e le condizioni della batteria degli iPhone. Da qualche ora può essere infatti scaricata la versione 11.3 del sistema operativo, che dovrebbe risolvere la polemica dei mesi scorsi, quando Apple era stata accusata di rallentare volutamente gli iPhone con batterie ormai usurate senza avvisare gli utenti, che quindi potevano ritrovarsi con smartphone temporaneamente meno veloci senza sapere perché.

Il caso aveva rinfocolato le diffuse teorie sulla cosiddetta “obsolescenza programmata”, la pratica – diffusa soprattutto in ambito tecnologico – di determinare la durata di un prodotto in modo da limitarla a un periodo prefissato e indurre i consumatori ad acquistare la sua versione successiva. La vicenda è costata ad Apple iniziative legali di vario tipo, indagini governative da parte di alcuni paesi e un programma di sostituzione gratuito o a prezzi scontati delle batterie degli iPhone deteriorate.

La nuova funzione in iOS 11.3 dovrebbe rendere tutto più chiaro. Da “Impostazioni” si sceglie la voce “Batteria” e in seguito “Stato Batteria (beta)”. La schermata mostra la “capacità massima” della batteria, cioè la sua capacità in rapporto a quando era nuova. Più è bassa la percentuale, meno sono le ore di utilizzo che la batteria garantisce tra una carica e l’altra.

La voce seguente indica invece come si comporta la batteria nelle fasi di picco, cioè nei momenti in cui l’iPhone deve consumare molta energia per effettuare calcoli ed elaborazioni, per esempio mentre si sta giocando a un videogioco o si sta utilizzando un’app che richiede molte risorse. Se viene indicato “prestazioni di picco standard” significa che iOS non interviene per rallentare l’iPhone in caso di poca carica, altrimenti vengono visualizzate diciture diverse.

Se le condizioni della batteria dopo molti cicli di carica/scarica peggiorano, iOS attiva la funzione per rallentare gli iPhone nei momenti di picco, con la conseguenza di avere in alcuni casi una risposta con un minimo di ritardo quando si danno i comandi. L’opzione in “Stato Batteria” consente in questo caso di disattivare il rallentamento, ma a rischio e pericolo dell’utente. Con una batteria usurata, la disattivazione del sistema potrebbe rendere instabile il telefono e comportare spegnimenti o riavvii inattesi.

Il sistema per disabilitare il rallentamento è offerto sugli iPhone SE, 6, 6 Plus, 7 e 7 Plus, mentre è assente sui più recenti iPhone 8, 8 Plus e X, perché questi utilizzano soluzioni di altro tipo lato hardware che non rendono necessario il rallentamento attraverso il sistema operativo.

Let’s block ads! (Why?)

Powered by WPeMatico