Un tribunale russo ha stabilito che in tutta la Russia deve essere bloccato l’accesso al servizio di messaggistica Telegram. La decisione è stata presa in risposta a un ricorso presentato dall’ente statale russo che si occupa di comunicazione, dopo che Telegram si era rifiutato di mettere a disposizione dei servizi di intelligence i messaggi dei suoi utenti. Pavel Durov, fondatore di Telegram, ha detto ripetutamente che la sua società non avrebbe mai condiviso con nessuno dati degli utenti e messaggi, tanto meno con i governi che ne avessero fatto richiesta. In Russia l’app Telegram è piuttosto diffusa ed è molto usata anche dalle autorità.

(Carl Court/Getty Images)

Let’s block ads! (Why?)

Powered by WPeMatico