Brexit apocalisse società

Il Sunday Times ne è certo: collasserà il porto di Dover e in poche settimane finiranno benzina e medicinali, la May si affretta a smentire ma la paura cresce per la Brexit.

Sembra che non sia solo l’Italia ad attraversare un periodo di grosse perplessità. Il Regno Unito sembrerebbe sull’orlo di una possibile apocalisse economica in caso di uscita senza accordi dall’unione europea.

Tre scenari. In quello intermedio “il porto di Dover collassa il primo giorno”, motivo per cui il governo ha già cominciato a lavorare a piani di emergenza. Inoltre “i supermercati in Cornovaglia e Scozia finiranno il cibo entro un paio di giorni e gli ospedali esauriranno i medicinali entro due settimane”. Una fonte anonima citata dal Sunday Times delinea i tre scenari messi a punto da Londra nel caso in cui il Regno Unito il 29 marzo prossimo dovesse uscire dall’Ue senza un accordo. Secondo uno “scenario da Apocalisse” messo a punto da alti funzionari del governo per il ministro per la Brexit David Davis – riporta il giornale – entro due settimane da quella data nel Paese ci sarà una carenza di medicine, di carburante e di cibo.

Il mese scorso, rivela il domenicale, funzionari del ministero di Davis, insieme ai loro colleghi alla Sanità e ai Trasporti, hanno preparato tre scenari per una Brexit senza accordo: il primo riflette una situazione definita ‘mite’, il secondo una situazione ‘seria’ ed il terzo è stato soprannominato da ‘Apocalisse’ (‘Armageddon’). Nel secondo scenario, citato dal quotidiano, il governo sarebbe costretto a organizzare voli charter, oppure a usare aerei della Raf, per portare generi alimentari e medicine nei angoli più lontani del Regno. “Bisognerà fare arrivare le medicine nel Paese via aerea – ha proseguito la fonte e alla fine della seconda settimana finirà anche la benzina“.

brexit may collasso società

La May si affretta a smentire

“Completamente false”. Così il Portavoce della premier Theresa May definisce lo scenario “apocalittico” tracciato da alti funzionari per il ministero della Brexit e svelato dal Sunday Times in caso la Gran Bretagna dovesse uscire dall’Ue senza un accordo. Secondo quanto riporta il domenicale il porto di Dover andrebbe al collasso già il 29 marzo 2019; i supermercati in Scozia e Cornovaglia resterebbero senza scorte alimentari nel giro di 48 ore; in un paio di settimane gli ospedali non avrebbero più medicinali, così come scarseggerebbero i carburanti.

“Sappiamo che nulla di tutto ciò accadrà, siamo sempre stati chiari che stiamo pianificando tutti gli scenari e saremo pienamente preparati”, ha aggiunto. “Siamo ugualmente chiari sul fatto che stiamo lavorando per un accordo perchè è nell’interesse di entrambe le parti”.

Let’s block ads! (Why?)

feed originale: SEGNI DAL CIELO

Powered by WPeMatico

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here