Ha fatto molta notizia, nei giorni scorsi, l’esclusione di Eleonora Brigliadori dal cast di Pechino Express, l’adventure game targato Rai 2. L’ex annunciatrice e volto del mondo dello spettacolo, come molti avranno avuto modo di leggere in questi giorni, era stata infatti inclusa da Magnolia, la società di produzione che detiene i diritti del formato condotto da Costantino della Gherardesca, nel gruppo dei partecipanti al programma insieme al figlio. Poi, in seguito alle polemiche di parte dell’opinione pubblica e in virtù delle sue controverse affermazioni sulle condizioni di salute di Nadia Toffa, Rai 2 aveva preso posizione, decidendo di rinunciare alla sua partecipazione.

In questi giorni Eleonora Brigliadori, che dopo l’inizio del suo spirituale ha scelto il nome di Aaron Noel e ha sposato le teorie di Hamer, ha continuato ad utilizzare la sua pagina Facebook per diffondere le proprie convinzioni e posizioni verso i suoi seguaci, senza mai fare riferimento diretto alla fine improvvisa della sua esperienza televisiva, che era a un passo dall’iniziare.

Poche ore fa, tuttavia, ha risposto al commento di una persona che sui social le ha espresso la sua solidarietà per le ostilità mostrate nei suoi confronti: “Se le “colpe” di Eleonora Brigliadori sono quelle di lottare contro i vaccini, gli psico-farmaci, le chemio e radio-terapie, le asportazioni inutili del seno e di altri organi, allora sono con lei, …e siamo in tanti ad esserlo, a cominciare dai medici non asserviti alle lobby farmaceutiche e che ancora rispettano il giuramento di Ippocrate!!!”.

Non c’è un chiaro riferimento alla trasmissione, ma sembra palese il riferimento, se non altro quello a un contesto di ostilità. La Brigliadori ha quindi risposto condividendo il messaggio e ringraziando, oltre che apprezzando il coraggio di chi le ha scritto: “Grazie per il coraggio di parlare
Aaron Noel che vede tanta paura intorno Ma che non trema nemmeno nella notte più buia perché già molte notti buie ha attraversato nella certezza di un’alba di verità”. 

Let’s block ads! (Why?)

Powered by WPeMatico