La NASA ha pubblicato sul proprio sito ufficiale l’immagine di una spettacolare ‘duna blu’ fotografata su Marte, un elemento che contrasta con il caratteristico colore rosso-arancio del quarto pianeta del Sistema solare. Benché suggestiva, si tratta in realtà di una fotografia in falsi colori, ottenuti in post-produzione per esaltare il contrasto della duna e renderla ben visibile rispetto al paesaggio circostante. Il colore originale, infatti, è più tendente al grigio che al turchese, ed è dovuto a un materiale più fine e con composizione diversa rispetto a quello delle altre dune sullo sfondo.

L’immagine è stata scattata lo scorso 24 gennaio dal Mars Reconnaissance Orbiter (MRO), la sonda della NASA lanciata il 12 agosto del 2005 dalla Cape Canaveral Air Force Station. Si tratta dell’orbiter con la più potente fotocamera mai inviata su un altro pianeta, l’HiRISE (High Resolution Imaging Science Experiment), pesante 65 chilogrammi e costata la bellezza di 40 milioni di dollari. Un super occhio elettronico che ha una risoluzione di 0,3 metri per pixel; non a caso è stata capace di immortalare agevolmente i rover Curiosity e Opportunity che si spostano sulla superficie del Pianeta Rosso (quest’ultimo in grande difficoltà a causa di una violentissima tempesta di polvere).

Quando la HiRISE si aziona cattura tre distinte immagini di Marte, che con la tecnologia a infrarossi sono regolate su tre colori (rosso, verde e blu). Le immagini vengono fuse per esaltare il contrasto, e lavorando in post produzione su luci e colori si può ottenere un risultato spettacolare (ma falsato) come quello della duna blu. La duna si trova nel cuore del cratere Lyot, dove la maggior parte delle dune sono barcane (a mezzaluna arcuata) o trasversali. Gli scienziati non sanno perché la duna blu abbia una forma così astratta e particolare; molto probabilmente dipende dal materiale fine e dalla sua composizione chimica.

[Credit: NASA/JPL/University of Arizona ]

Let’s block ads! (Why?)

Powered by WPeMatico