Credit: Andrea Centini
in foto: Credit: Andrea Centini

Il prossimo 27 luglio potremo ammirare nel cielo uno spettacolo davvero straordinario, da una volta nella vita: l’eclissi di Luna totale più lunga dell’intero XXI secolo. La Luna di sangue, soprannome dato al nostro satellite durante le eclissi di Luna a causa del caratteristico colore rosso-arancio, nel suo affascinante viaggio sulla volta celeste sarà accompagnata da Marte. Il Pianeta Rosso non solo si troverà a meno di 7 gradi di distanza dal satellite, dando vita a una spettacolare congiunzione astrale con la Luna, ma sarà anche all’opposizione, nel momento migliore dell’anno per metterlo nel mirino del telescopio e anche per osservarlo a occhio nudo. Ecco tutto quello che dovete da sapere per non perdervi nulla dell’eccezionale evento astronomico.

Gli orari dell’eclissi di Luna del secolo

In Italia, venerdì 27 luglio l’eclissi di Luna totale inizierà alle 21:30 e terminerà alle 23:13, dunque saranno 103 minuti di grande spettacolo astronomico. La Luna sorgerà nel nostro Paese poco prima delle 20:30, permettendoci di ammirare tutta l’eclissi totale. Il fenomeno dell’eclissi inizierà tuttavia circa un’ora prima, quando la Luna comincerà ad attraversare il cono di penombra della Terra alle 19:14. Ne uscirà completamente all’1:28 di sabato 28 luglio. Si tratta dunque di una finestra osservativa estremamente ampia, che si spera non verrà rovinata dal maltempo. Del resto l’ultima eclissi totale apprezzabile dall’Italia fu nel 2015, e in diverse regioni non si riuscì ad ammirarla a causa delle nuvole.

La luna sorgerà in questa posizione alle 20:26 circa
in foto: La luna sorgerà in questa posizione alle 20:26 circa

Dove vedere l’eclissi di Luna

Il 27 luglio per veder sorgere la Luna alle 20:26 bisognerà volgere lo sguardo verso Sud-Est, il punto dal quale inizierà la sua ‘scalata’ verso il cielo. Alla sua destra troverete subito sia Giove che Venere, piuttosto bassi sull’orizzonte, mentre per veder comparire Saturno sarà necessario attendere le 21 circa. La Luna accompagnata da Marte (che sarà visibile appena sotto al satellite) compirà un arco non troppo elevato sulla volta celeste; nel momento di massima elevazione si troverà esattamente centrata a Sud, dentro alla costellazione del Capricorno. Nella fase centrale dell’eclissi, attorno alle 22:20, si troverà a Sud-Est con circa 16° di elevazione; il fatto che sia così bassa permetterà di ottenere fotografie straordinarie, potendola associare a elementi naturali o monumenti, che solitamente aumentano le dimensioni apparenti della Luna. Ricordiamo che il 27 luglio la Luna sarà una “mini-Luna”, trovandosi prossima all’apogeo, a oltre 406mila chilometri di distanza dalla Terra. Se per qualche ragione non potrete godervi lo spettacolo con i vostri occhi, perché costretti a stare al chiuso o magari a causa del maltempo, sarà possibile seguire la diretta dell’evento astronomico sul sito del Virtual Telescope Project.

Come osservare la Luna di sangue

A differenza dell’eclissi di Sole, un’eclissi di Luna può essere osservata anche a occhio nudo e senza appositi filtri solari. Nel primo caso, infatti, i raggi ultravioletti e infrarossi rappresentano un grave pericolo per gli occhi, ed è sufficiente guardare direttamente il Sole per qualche istante per procurarsi danni irreparabili (sino alla cecità totale). La luce riflessa della Luna, come indicato, non rappresenta invece una minaccia per la vista, dunque per godersi lo spettacolo del 27 luglio sarà sufficiente affacciarsi dal balcone. Con un buon binocolo e un telescopio amatoriale, naturalmente, sarà possibile apprezzare moltissimi dettagli in più del nostro satellite, come crateri, mari (le parti scure), faglie e catene montuose. Anche il Pianeta rosso sarà perfettamente identificabile a occhio nudo, ma per poterne ammirare le caratteristiche sfumature, come il bianco delle calotte polari, sarà necessario dotarsi di un telescopio di discreto diametro, superiore ai 200 millimetri.

Cos’è un’eclissi di Luna

L’eclissi di Luna si verifica quando il nostro satellite viene oscurato parzialmente o totalmente dal cono d’ombra (e/o di penombra) della Terra. In parole semplici, il sistema composto da Sole, Terra e Luna si trova allineato, e in base al grado di questo allineamento e alla distanza del satellite dal nostro pianeta (la sua orbita è ellittica) si può avere una diversa tipologia di eclissi. Quella del 27 luglio sarà lunghissima perché la Luna, oltre ad attraversare completamente il cono di penombra e quello d’ombra della Terra, sarà prossima all’apogeo, cioè alla massima distanza dalla Terra. La sua lentezza nell’attraversare l’ombra, come specificato, garantirà una totalità dell’eclissi di ben 103 minuti. Le eclissi di Luna avvengono sempre con la Luna piena, che si verifica quando il satellite è in opposizione, cioè opposto al Sole rispetto al nostro pianeta.

[Credit: Stellarium]

Let’s block ads! (Why?)

Powered by WPeMatico