eclissi di luna profezie

Siete pronti per lo spettacolo di questa sera? Ecco tutte le informazioni per vedere la Luna di Sangue ed alcuni dei suoi significati profetici.

L’evento astronomico di questa sera inizierà al calar del Sole. La prima parte dell’eclissi di Luna, ovviamente parziale, prenderà il via alle 20:24 (ora italiana), ma qui dal nostro Paese non potremo assistevi completamente. Per due motivi: la luce diurna non sarà ancora abbastanza affievolita e, soprattutto, la Luna in molte località si troverà ancora appena sotto la linea dell’orizzonte. Dovremo quindi attendere il sorgere della Luna (il cui orario, agli effetti pratici, dipende oltre che dalla posizione geografica anche dagli eventuali ostacoli alla visuale) e il calare della notte per iniziare davvero a goderci lo spettacolo.

Per fortuna, ci sarà tempo. L’eclissi totale di Luna, momento clou della nottata, avrà una durata record: ben 103 minuti, per la precisione dalle 21:30 alle 23:13. In quel paio d’ore, nuvole permettendo, l’eclissi sarà perfettamente visibile da ogni punto d’Italia. Per i ritardatari, l’eclissi parziale a chiusura del fenomeno astronomico durerà fin oltre la mezzanotte, protraendosi per i primi 19 minuti di sabato 28 luglio.

E poi fino all’una e mezza ci sarà la fase finale di penombra, uno strascico di eclissi certamente meno entusiasmante. Troppi orari da tenere a mente? Ne basta uno semplice da ricordare: le 22:22, momento centrale della fase di eclissi totale.

Che cosa accade nello Spazio e cosa vedremo

L’eclissi di Luna si verifica ogni volta che la Terra si interpone tra il Sole e il nostro satellite naturale, ossia quando la Luna passa attraverso il cono d’ombra proiettato dalla Terra nello Spazio.

Quando la Luna si trova solo in parte oscurata dalla presenza del nostro pianeta, si parla ovviamente di eclissi parziale, mentre l’eclissi è totale quando sulla Luna scende la completa oscurità.

Ciò che osserveremo nel cielo non sarà però un disco nero, bensì vedremo per la superficie lunare una colorazione rosso scuro. Qualcuno ne parla come Luna rossa o addirittura Luna rosso sangue (ma niente paura, non c’è alcun elemento horror in questa storia), a volte imputando la colorazione al Pianeta Rosso Marte, ma in realtà la spiegazione parte proprio dalla Terra. La responsabile della colorazione della Luna, infatti, è l’atmosfera terrestre: i raggi luminosi provenienti dal Sole vengono infatti diffusi (ossia sparpagliati) dall’atmosfera, ma in modo diverso a seconda della colorazione, ossia della loro frequenza e lunghezza d’onda. I colori più diffusi sono infatti quelli tra il blu e il violetto – e questo è il motivo per cui di giorno il cielo ci sembra blu – mentre quelli delle tonalità del rosso vengono appena deviati e possono raggiungere anche la superficie della Luna, illuminandola quindi con una debole luce rossa.

eclissi luna

Non solo la Luna

Limitarsi a guardare il nostro satellite sarebbe un peccato. Approfittando dell’eclissi totale e quindi della minor luminosità del cielo, infatti, ci sarà anche una straordinaria opportunità per vedere Marte, che – dalla nostra prospettiva terrestre – nel momento perfetto si troverà proprio a ridosso della Luna, a una distanza angolare di appena 7 gradi. Marte sarà anche quasi alla minima distanza dalla Terra (57,5 milioni di chilometri, con un minimo possibile di 56 milioni), e in fase di grande opposizione, ossia dalla parte opposta al Sole rispetto alla Terra. Il Pianeta Rosso, ben illuminato dal Sole, dovrebbe essere visibile anche a occhio nudo, sarà uno degli astri più luminosi del cielo e avrà una colorazione rosso rubino.

Perché è un eclissi da record

Con la sua durata di un’ora e 43 minuti, sarà l’eclissi totale più lunga del Ventunesimo secolo, circa 40 minuti più duratura della media. Il motivo sta nella distanza Terra-Luna: il nostro satellite naturale si troverà alla massima distanza possibile da noi (detta apogeo, circa 406mila chilometri), e di conseguenza per una questione di conservazione del momento angolare si muoverà più lentamente. Perciò rimarrà più a lungo all’interno del cono d’ombra proiettato dalla Terra, prolungando sia la durata della fase di eclissi totale sia di quelle parziali.

eclissi luna

Le profezie

tratto da meteoweb:
Paul Begley, pastore americano dell’Indiana, sostiene bizzarre teorie del complotto sulla fine del mondo e le collega alla “Luna di sangue”, l’eclissi lunare totale che avverrà la notte tra il 27 e il 28 luglio. Il pastore cristiano, che crede che stiamo vivendo la fine del mondo, ha interpretato l’eclissi lunare come un segno apocalittico.

Begley ritiene che l’evento astronomico, che si verifica due volte all’anno, fosse stato annunciato nel Libro della Rivelazione, nel Libro degli Atti e nel Libro di Gioele nella Bibbia. Nel suo ultimo sermone, il pastore ha avvisato che la Luna di sangue in congiunzione con le eruzioni in corso, gli uragani e i terremoti sia un segno dell’apocalisse: “Il mondo è completamente impazzito, inoltre gli eventi apocalittici che si stanno verificando ora sono fuori controllo”, riferendosi a tifoni, monsoni, vulcani, incendi, alluvioni, frane, asteroidi e palle di fuoco.

Secondo il pastore, la combinazione di “eventi strani” che stanno accadendo in tutto il mondo è collegata alla vicina fine del mondo e al giorno del giudizio universale. Begley cita spesso i passaggi della Bibbia del Libro della Rivelazione che parla della luna che diventa come sangue prima della fine del mondo.

Ma il pastore non crede che il mondo finirà la notte del 27 luglio. La sua bizzarra interpretazione della Luna di sangue sostiene che l’evento astronomico sia un precursore dell’apocalisse. Le sue parole: “La Luna di sangue che si avvicinerà questo 27 luglio è la Luna di sangue più lunga del secolo e sta avvenendo nello stesso anno del 70° anniversario di Israele come nazione. La profezia si è realizzata lo stesso anno in cui Gerusalemme è diventata la città eterna di Dio, la capitale di Israele. L’eclissi avverrà la notte in cui Marte sarà al punto più vicino alla Terra degli ultimi 15 anni e al secondo approccio più vicino alla Terra in 60.000 anni. Stiamo parlando di astronomia o di profezie bibliche?”.

Let’s block ads! (Why?)

feed originale: NIBIRU2012

Powered by WPeMatico

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here