• L’avvocato di Angelina Jolie ha reso note le mancanze di Brad Pitt
  • Secondo l’attrice, il suo ex marito non avrebbe pagato quote significative
  • I mancati pagamenti sarebbero iniziati dalla separazione tra i due

Il matrimonio tra Brad Pitt e Angelina Jolie, celebrato nel 2014, si è concluso dopo poco tempo e adesso i due sono separati e in attesa del divorzio. Proprio l’attrice vorrebbe che la procedura di divorzio si concludesse entro l’anno e ha anche accusato l’ex marito di non pagare gli alimenti per i loro figli.

Angelina Jolie ha accusato Brad Pitt di non pagare gli alimenti per i loro figli

L’avvocato di Angelina Jolie ha fatto sapere alla corte che si sta occupando della causa tra i due che Brad non ha pagato somme significative di alimenti per i suoi figli, come ha riportato il Daily Mail. I mancati pagamenti da parte dell’attore sarebbero iniziati con la separazione. Quindi, secondo la Jolie che si è espressa tramite il suo avvocato, da più di un anno l’attore non sta versando cifre consistenti che invece avrebbe dovuto dare ai figli secondo gli accordi presi con l’ex moglie. A causa di questo comportamento, la 43enne ha chiesto alla corte un intervento per costringere il suo ex compagno a dare il denaro che deve ai suoi figli per il mantenimento di questi. “Visto che l’informale accordo sul pagamento per le spese dei ragazzi non è stato rispettato da un anno e mezzo, la Jolie intende chiedere un provvedimento che stabilisca la retroattività dell’ordine di mantenimento dei figlii“, si legge infatti nel documento.

L’attrice vorrebbe anche concludere entro l’anno il procedimento di divorzio dall’ex marito

D’altra parte, però, per rispondere alle accuse della Jolie, persone vicine a Brad Pitt hanno fatto sapere che l’attore ha speso enormi cifre per il mantenimento dei figli, anche superiori rispetto a quelle che erano state pattuite. Non ci resta che attendere per vedere se il matrimonio che aveva fatto sognare migliaia di fan riuscirà a concludersi pacificamente o se continueranno le battaglie legali che sono in atto.

scritto da Roberta Martorana il 8/8/2018

Commenti

Per commentare è necessario registrarsi, una volta sola, alla piattaforma Disqus tramite e-mail o profilo social (Facebook, Twitter o Google). Se non è confermato l’indirizzo mail, il commento resterà in attesa di approvazione.
Inserendo un commento, l’utente dichiara di aver letto, compreso e accettato il .

Let’s block ads! (Why?)

Powered by WPeMatico