BBC Future ha raccontato di due telefoni cellulari usciti negli ultimi mesi che però non sono smartphone: sono telefoni e basta. Non hanno connessioni a internet o potenti fotocamere e sono fatti per essere essenziali (fare e ricevere chiamate, e poco altro) ed essere usati quindi il meno possibile. La commercializzazione di questi telefoni è una reazione all’uso più che massiccio che molte persone fanno dei loro smartphone, con i fastidi che questo comporta: parliamo di guardare lo schermo decine di volte al giorno e toccarne lo schermo migliaia di volte al giorno.

Entrambi i telefoni sono presentati come “dispositivi secondari”, da usare magari in vacanza o nei weekend, al posto del proprio smartphone. Il primo si chiama Light Phone e in un anno ne sono stati venduti più di 10mila modelli in oltre 50 paesi; il secondo si chiama MP-01 e anche in questo caso sono state vendute diverse migliaia di modelli; entrambe le società che li producono stanno per lanciare sul mercato dei nuovi modelli, che continuano a essere semplici e essenziali, ma con qualche funzione in più.

I Light Phone sono prodotti e venduti da Light, una società fondata nel 2014 a New York da Joe Hollier e Kaiwei Tang, un artista e un product designer che si conobbero in un incubatore di start-up promosso da Google. La forma del Light Phone, creato nel 2015, si ispira a quella dei monoliti di 2001: Odissea nello spazio, il film di fantascienza di Stanley Kubrick uscito nel 1968. Ha uno schermo touch e permette di salvare al massimo nove numeri telefonici, uno per ogni tasto dall’1 al 9. C’è un pulsante per bloccarlo e sbloccarlo, e uno per accenderlo e spegnerlo. Hollier ha spiegato che per proporre l’idea ai possibili finanziatori attaccò a un pezzo di plastica un’immagine dello schermo fatta con photoshop. Il telefono funziona con una nano SIM e ha una presa micro USB. Al momento non ci sono più Light Phone disponibili, ma si possono comunque pre-ordinare: costano 125 euro, escluse spese di spedizione.

I telefoni MP-01 sono prodotti invece da Punkt, una società che ha sede in Svizzera ma è stata fondata nel 2008 dall’imprenditore norvegese Petter Neby. La società produce anche altri oggetti tecnologici minimali: per esempio una sveglia e un telefono domestico senza fili. Il design dei telefoni MP-01 è stato fatto dal britannico Jasper Morrison, che è l’art director di Punkt (significa “punto” in tedesco e sta a simboleggiare la semplicità e l’immediatezza dei prodotti). A differenza dei Light Phone, gli MP-01 hanno dei veri tasti definiti “3D” e quindi uno schermo più piccolo. Si possono collegare via Bluetooth e permettono anche di mandare SMS, puntare sveglie e controllare il proprio calendario. Pesano 88 grammi e sono alti 11 centimetri e larghi cinque. Neby ha detto di aver creato i telefoni MP-01 «per offrire un’utile alternativa a quelli che si sentivano sopraffatti dalle tecnologie avanzate che hanno invaso la vita moderna» e il motto con cui sono promossi i telefoni è «tutto quello che serve, niente che non serve». Costano 195 euro, escluse spese di spedizione.

Come spiegato da BBC Future, le due società non puntano sul fatto che i loro telefoni siano facili da usare né si rivolgono a chi non è abituato a usare gli smartphone, come le persone anziane. I Light Phone e gli MP-01 sono promossi come telefoni eleganti, “cool” e di grande design, volutamente pensati per non distrarre, non stressare e non far perdere tempo. In entrambi i casi è anche messa in evidenza la qualità dei materiali e delle due componenti principali: gli speaker e i microfoni.

Nonostante l’insistenza sulla semplicità, sia Light e Punkt lanceranno però due nuovi telefoni che, seppur più semplici di un iPhone o un Android di ultima generazione, saranno molto meno essenziali del Light Phone e del MC-01.

Ad aprile 2019 sarà messo in commercio il Light Phone II, che su Kickstarter – la piattaforma di finanziamenti dal basso – ha raccolto quasi due milioni di dollari, il 600 per cento rispetto al minimo richiesto dalla società. Il Light Phone II è presentato come “un telefono che ti rispetta davvero” e permetterà di impostare e seguire direzioni stradali e ascoltare playlist musicali. Avrà quindi il 4G, il GPS e la possibilità di collegarsi alle reti WiFi. Al momento il costo stimato è circa 300 dollari, ma potrebbe aumentare.

Anche il telefono MP-02 (“disegnato per essere un servo, non un padrone”) funzionerà in 4G e potrà essere collegato a uno smartphone o a un tablet per collegarsi a internet via hotspot: significa, scrive Punkt, «che gli utenti potranno consultare siti internet e leggere email, ma sarà una scelta, non un riflesso incondizionato». Non si sa ancora quando sarà messo in commercio MP-02 e quanto costerà.

Let’s block ads! (Why?)

Powered by WPeMatico