Alfonso Signorini ha le lacrime agli occhi a CR4 – La repubblica delle Donne”, in onda su Rete 4, ospite fisso di Piero Chiambretti. Ricorda la malattia che lo ha colpito a fine 2014 e non riesce a trattenere la commozione, per averla sconfitta ed esserci ancora. In studio ci sono Melissa Satta ed Elena Santarelli, con lui a “Kalispera”. “E’ stato un periodo bellissimo, che conservo nel cuore. Dopo la fine della trasmissione ho scoperto la malattia e ho dovuto fare un sacco di cose”, racconta con la voce rotta.

Alfonso Signorini ha lacrime agli occhi a ‘CR4’ ricordando la sua malattia

Lacrime agli occhi ricordando la malattia e la sofferenza passata, ma pure la gioia nel cuore per la vita che continua. Alfonso Signorini a CR4 mostra la sua grande umanità. Il giornalista 54enne non puà certo dimenticare il duro percorso affrontato, che però, come affermato in numerose interviste, gli “ha fatto scoprire il vero valore delle cose”.

Il 54enne a fine 2014 è stato colpito dalla leucemia mieloide

“Il 23 dicembre ero in diretta a Kalispera. C’erano ospiti Christian De Sica e Sabrina Ferilli e non smettevo di sudare. A mezzanotte avevo 40 di febbre. Terminai la serata e andai al pronto soccorso del San Raffaele. Mi fecero gli esami, mi diedero un antipiretico e mi mandarono a casa. La mattina dopo, vigilia di Natale, mi chiamarono: ‘Lei ha una leucemia mieloide, non si muova, ci vediamo il 27 per iniziare le cure’”, aveva svelato intervistato da La Verità a maggio scorso. Ora in tv ha le lacrime agli occhi.

Ha scoperto di avere il tumore alla fine di ‘Kalispera’, programma che conduceva in tv

Alfonso Signorini in studio a CR4 ha davanti a sé le sue compagne di avventura, fortemente volute in coppia a “Kalispera” e la mente torna alla malattia e a quanto è stato faticoso ritrovarsi dopo, ma più forte più consapevole e più voglioso che mai di sentirsi libero. Chiambretti ironizza venendolo vicino al pianto. Il direttore di Chi afferma che il 7 dicembre, dopo la prima del Teatro alla Scala, lui morirà, Piero lo rincuora: “Stia tranquillo, non accadrà niente”. Getta acqua sul fuoco per far sorridere il pubblico e sdrammatizzare.

Per commentare è necessario registrarsi, una volta sola, alla piattaforma Disqus tramite e-mail o profilo social (Facebook, Twitter o Google). Se non è confermato l’indirizzo mail, il commento resterà in attesa di approvazione.
Inserendo un commento, l’utente dichiara di aver letto, compreso e accettato il .

Let’s block ads! (Why?)

Powered by WPeMatico