Francesca Manzini, la bravissima imitatrice e conduttrice di Rds è la rivelazione di “Mai Dire Talk”, il nuovo programma della Gialappa’s Band. Con la sua Asia Argento ha il compito di alleggerire il programma tra un blocco e un altro e i suoi interventi, dopo la prima puntata, sono risultati tra i più apprezzati. Intervistata da “Spy”, l’attrice confessa la sua felicità per un momento certamente positivo. Un successo che nasce anche da tanta sofferenza: “Ho sofferto di anoressia e bulimia, oggi mordo la vita”. 

Il dolore di Francesca Manzini

Francesca Manzini, “colei che gli altri bevono e io mi ubriaco”, ha iniziato a “Festa Italiana” su Rai1 per poi fare il suo esordio a SkyUno con “Gli Sgommati”, poi è diventata un punto di riferimento per Rds, dove è definitivamente esplosa con i suoi personaggi. A Spy racconta:

A 18 anni mi portarono per la prima volta in televisione, su Rai 1. Purtroppo, però, in quel periodo cominciò un momento molto brutto della mia vita. Caddi in preda dell’anoressia. Per molto tempo non mi alzai dal letto e arrivai a pesare 47 chili. Quando l’incubo sembrava finito, precipitai nella bulimia e fu ancora più brutto: di notte aprivo il frigo e mangiavo in maniera spropositata. Il calvario è durato sei anni, poi mi sono rialzata per dimostrare a me stessa quanto valessi: oggi mordo la vita, non mi arrendo davanti alle difficoltà.

La passione per le mediazioni finanziarie

Francesca Manzini ha anche un “lavoro segreto” (c’è anche il suo profilo su LinkedIn). È una esperta di mediazioni finanziarie, un lavoro parallelo del quale non aveva mai parlato prima d’ora. In questo lavoro, rivela la Manzini, è bravissima:

Coltivo un lavoro parallelo di cui non ho mai parlato: da anni mi occupo di mediazioni finanziarie. Sono una stacanovista e sono molto brava a trovare i contatti: ho rapporti con le multinazionali e le ambasciate, parlo tre lingue nonostante non mi sia mai diplomata.

La seconda puntata di Mai Dire Talk

Questa sera andrà in onda la seconda puntata di “Mai Dire Talk”. La prima puntata è partita sottotono sul piano degli ascolti, realizzando solo 931mila spettatori per uno share del 5.2%. Aveva contro il finale della seconda stagione de “L’Allieva”. Si può solo migliorare: questa sera l’obiettivo è fare meglio della settimana scorsa.

Let’s block ads! (Why?)

Powered by WPeMatico