Ilary Blasi, 37 anni, smentisce che con Fabrizio Corona ci sia stato un accordo. Il litigio al “Grande Fratello Vip” non era affatto concordato come riportato nei giorni scorsi: “Non c’era nessun accordo tra noi, non mi presto alle pagliacciate: se ci fosse stato, lui se la sarebbe giocata meglio, non mi avrebbe detto tutte quelle brutte parole”, ha dichiarato la conduttrice del “Grande Fratello Vip” a Liberi Tutti in edicola con il Corriere della Sera.

Ilary Blasi afferma che lo scontro con Corona non era concordato

Ilary Blasi, insomma, smentisce categoricamente che il litigio con Fabrizio Corona sia stato frutto di un accordo studiato a tavolino per far crescere gli ascolti del “Grande Fratello Vip”, come qualcuno ha insinuato (l’episodio è finito anche negli atti processuali in merito alle vicende giudiziarie che vendono coinvolto l’ex manager dei paparazzi). Nessun accordo, lo scontro, stando a quanto afferma Ilary Blasi, è stato autentico. Fabrizio Corona le ha fatto davvero perdere le staffe.

Ilary e Fabrizio durante il litigio

La conduttrice durante l’intervista ha parlato anche della sua vita con Francesco Totti e ha rivelato che quando erano fidanzati l’ex calciatore le ha chiesto di lasciare il lavoro una volta diventata sua moglie: “All’inizio mi ha detto: ‘Quando ci sposiamo smetti di lavorare e ti dedichi alla famiglia’. L’ho guardato negli occhi e gli ho spiegato che avrei lavorato: forse c’era un pizzico di gelosia in quella richiesta. Ma ha capito che era una priorità e mi ha lasciata fare”.

“In fondo sono sempre stata davanti alle telecamere: ho iniziato a 7 anni con i primi spot – ha proseguito Ilary BlasiCerto, potevo scivolare nel cliché della compagna del calciatore, conducendo una trasmissione sportiva o magari facendo un calendario: ma insieme a Franchino Tuzio (l’agente morto lo scorso anno, ndr) ho individuato un percorso diverso e da lì a poco ho fatto Sanremo. E su quel palco ho promesso che ci torno”.

Per commentare è necessario registrarsi, una volta sola, alla piattaforma Disqus tramite e-mail o profilo social (Facebook, Twitter o Google). Se non è confermato l’indirizzo mail, il commento resterà in attesa di approvazione.
Inserendo un commento, l’utente dichiara di aver letto, compreso e accettato il .

Let’s block ads! (Why?)

Powered by WPeMatico